Massima allerta sul Ftse Mib

Il mercato oscilla sempre. Tra supporti e resistenze. E questa volta si può finalmente dire che si sia arrivati all’ estremo della sua oscillazione positiva, ossia alla sua resiustenza, come ben si vede dalla Figura 1.

Figura 1. Future FtseMib40 – grafico settimanale.

 

Da qui potrà partire la sua prossima oscillazione verso gli estremi rialzisti o ribassisti. E qui inizia il “rumore”, ossia inizia la difficoltà nel capire i segni a favore del prossimo movimento.

Quali saranno, infatti? Si può star certi che saranno fini, precisi e minuti perché essendo in palio il prossimo grosso movimento occorre far sbagliare il maggior numero di persone possibile proprio qui, alla sua partenza.

Noi non riusciamo a dire già adesso quale sarà, questo prossimo movimento; ancora non abbiamo colto il segnale. Esistono quindi, come al solito, elementi non risolutivi a favore e contro. A favore del rialzo ci sono i gap a 20.265 prima e 21.400 punti poi, punti di future sull’ indice Ftse Mib 40 (Figura 2). 

Figura 2. Future FtseMib40 – grafico giornaliero.

 

A favore del ribasso ci potrebbe essere invece (ma non è detto: è solo una tra le possibilità) la forma del grafico (Figura 3).

Figura 3. Future FtseMib40 – grafico giornaliero.

 

Come si fa a scegliere tra le due? La risposta è che non sei obbligato a scegliere.

Ed è proprio quello che facciamo noi: scegliamo di non scegliere a meno che veramente non abbiamo indicazioni in un senso piuttosto che in un altro. Non siamo mica qui per giocare. Però, altrettanto decisamente agiremo una volta rilevate le probabilità di una direzione tra le due.

Un grafico a parte è quello di RCS Mediagroup. Dopo un laterale durato anni sta giungendo agli estremi superiori del suo canale laterale. 

Figura 4. Rcs Mediagroup  – grafico settimanale.

 

 

Se riuscisse a forarlo allora avrebbe spazio verso l’ alto. Ma ci riuscirà? E’ da tenere il titolo sotto osservazione in un’ ottica long, senza per adesso, a meno da parte nostra, entrare.

Un altro titolo “editoriale” ma con un grafico totalmente diverso è Class Editori… Qui i corsi si trovano in un andamento completamente ribassista, che, a parte le ultime settimane, non ha mai dato adito ad un’ ombra di inversione (Figura 5).

Figura 5. Class Editori  – grafico settimanale.

Fino a prova contraria, dunque, l’ ottica è short ma non da iniziare ora, sembrerebbe, in quanto non si partirebbe da una piattaforma stabile.

Profilo autore

Fabio Pioli
Pres. Ass. Italiana Traders e Piccoli Risparmiatori e fondatore di CFI (www.cfionline.it)