Non ci si faccia ingannare in questa fase dalle oscillazioni del mercato

Lo avevamo detto: non ci si faccia ingannare in questa fase dalle oscillazioni. Questa è infatti la fase delle trappole, dei sotterfugi e degli imbrogli, perché ci troviamo sulle resistenze di lungo periodo e non può essere altrimenti. Ecco che giovedì e venerdì scorsi l’ inganno è stato per i ribassisti. Questo fine settimana, con i prezzi nuovamente a ridosso dei 21.000 punti, il trabocchetto è forse per i rialzisti? (Figura 1)

Figura 1. Future FtseMib – grafico giornaliero

E questa è anche la fase della chiamata all’ entrata (non esiste truffa senza invito) perché le oscillazioni faranno in moda da rappresentare un richiamo tale che sarà impossibile per il risparmiatore sprovveduto non venire attratto per poi naufragare. Altro che Scilla e Cariddi.

E il richiamo è tanto più efficace quanto più che si è consapevoli che da qui partirà un fortissimo movimento, al rialzo o, viceversa, al ribasso. E allora perché non provare? C’è un buon motivo per non provare e basta guardate ai vostri portafogli e alle vostre azioni passate per riconoscerlo: mai fare niente se non si sanno le probabilità.

Queste verranno da se, a condizione che:

  • 1) le si sappia aspettare,
  • 2) le si sappia riconoscere.

E saranno ghiotte, di questo stiamone pur certi.

Nel frattempo calmiamo i bollenti spiriti buttando uno sguardo ad Acea, che si trova più avanti nel suo movimento rispetto all’ indice in generale. L’ utility ha infatti colmato (con precisione millimetrica il suo gap a 15,30 (Figura 2) in un recupero “non male” che potrebbe anche portare i suoi prezzi a centrare l’ obiettivo successivo a 16,30 (Figura 2).

 Figura 2. Acea – grafico settimanale

Non se ne raccomanda l’ acquisto, perché il trend non è al suo inizio ma la tendenza attuale è sicuramente long.

Non si può dire di certo lo stesso per Culti Milano. Chi ha creduto nel titolo lo ha fatto senza tenere conto del suo trend (errore comune), che è sicuramente short (Figura 3).

Figura 3. Culti Milano – grafico settimanale

Cambierà? Fintanto che non se ne ha traccia, l’ inversione non c’è..

Profilo autore

Fabio Pioli
Pres. Ass. Italiana Traders e Piccoli Risparmiatori e fondatore di CFI (www.cfionline.it)

Commenta per primo su "Non ci si faccia ingannare in questa fase dalle oscillazioni del mercato"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*